Un cagata pazzesca!

365

Written by:

Condividi

LA CORAZZATA POTEMKIN

ovvero riportiamo ogni cosa nella giusta dimensione

Dopo le prese di distanza dell’assessore Mario Ruggiero dalle posizioni “insostenibili” del Sindaco e della maggioranza sul depuratore consortile in area Demanio, le conseguenti dichiarazioni del Sindaco, che fanno timidamente capolino dietro la figura del Capogruppo di Maggioranza, lasciano basiti: dalla “mancanza di contezza” di qualche settimana fa alla “piena consapevolezza” di oggi su quanto si è fatto e si sta facendo da sei anni ormai, e prendendo per buono tutto il vino che l’oste (in questo caso il R.U.P. del progetto) porta a tavola. Di qui nasce un primo consiglio: si dotassero di un buon sommelier!

In premessa, e senza entrare nelle dinamiche della polemica interna e politica, vogliamo esprimere la piena solidarietà umana a Mario Ruggiero circa la sua legittima e libera scelta di verità e, al contempo, di fedeltà alla Città e ai maioresi. La lettera dell’assessore Ruggiero contiene precise indicazioni che non lasciano spazio ad approssimate repliche ma aprono la strada a fondati dubbi di legittimità sul procedimento. Nella sostanza Mario Ruggiero evidenzia che si sta portando avanti un procedimento in difformità di quanto inizialmente previsto nella Delibera di C.C. n. 27 del 20 giugno 2016.

Affermazioni precise, citazioni di fatti inoppugnabili, domande ineludibili che richiedono risposte precise; risposte che possono essere di ordine politico ma che potrebbero trovare udienza anche presso organi di controllo superiori frapponendosi all’esecuzione del procedimento e creando ulteriori costi per la collettività. Ma forse per la maggioranza di Antonio Capone questo è l’ultimo dei problemi. È indubbio che le affermazioni di natura prettamente tecnica vadano supportate da apposita documentazione, nel caso specifico chiediamo all’Amministrazione se il RUP o altri tecnici della Provincia abbiano solo parlato di quanto grossolanamente riportato dal dottore Cremone nel suo comunicato, oppure se il tutto sia supportato da una appropriata evidenza documentale, di natura tecnica e di fattibilità, che possa anche considerare e valutare il rischio di eventuali danni ambientali e/o inerenti la sfera economico-sociale; quindi della conseguente ricaduta sull’occupazione e sull’attività economica incentrata sul settore turistico, fonte primaria del reddito dell’attività imprenditoriale della costiera amalfitana.

Infatti è ovvio che non si può semplicemente “dire” <<il depuratore è l’unica opzione realizzabile, il resto è utopia>>. È necessario che i tecnici sottoscrivano, in scienza e coscienza, una apposita relazione con i dovuti computi e dove siano i numeri a parlare e certificare le asserzioni fatte in modo che, una volta esperita questa necessaria attività, il tutto sia disponibile all’analisi e al giudizio di terzi; soprattutto altri tecnici in presenza di una eventuale controparte.

In caso contrario tali affermazioni, come desunte dal comunicato del dottore Cremone, potrebbero trasformarsi in quella che il buon Fantozzi definirebbe senza mezzi termini

UNA CAGATA PAZZESCA!

Per scoprire di più leggi il documento integrale: “La Corazzata Potemkin: una cagata pazzesca

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE ONLINE: http://chng.it/jTY7RJgT

 

 2,421 total views,  1 views today

Allegati

Last modified: 9 Marzo 2021

Comments are closed.

Follow by Email
Instagram